Documento senza titolo

La tavola di San Giuseppe...

... un momento di condivisione.

Quest'anno sono sette le Tavole realizzate a Cerfignano. Sei in famiglia, una a cura della Pro Loco in occasione del Convegno di Studio "San Giuseppe: storia, culto e tradizioni in Cerfignano".

La tradizione delle "tavole in onore di san Giuseppe" nel Salento risale almeno a fine ottocento. Essa consiste nel preparare una grande tavolata in onore di San Giuseppe, contenente come pietanze sulla tavola cibi "poveri": pesce fritto, lamponi, baccalà, "pittule", "massa", "pasta culu mele", "fritti" e come frutta un finocchio e un'arancia. Come si può notare, infatti, non è presente la carne considerata un tempo cibo per ricchi.

Le pietanze si susseguono in questo modo (i nomi sono riportati in dialetto): pampasciuni (lamponi), stoccapisce (stoccafisso), ciciri (ceci), rape, fritti (dolci fritti tipici della zona), massa (pasta fatta in casa con i cavoli), maccarruni cullu mele (bucatini col miele). Su ogni piatto veniva messo un pesce fritto e una pittula di cavolfiore.

La "tavola" solitamente è offerta da famiglie per ex-voto e può avere come invitati (i "santi") da un minimo di tre persone ad un massimo di tredici. Gli invitati alla tavola rappresentano:San Giuseppe, Gesù Bambino, la Madonna, S. Anna, S. Gioacchino, S. Zaccaria, S. Elisabetta, S. Agnese, S. Antonio, S. Marta, S. Simone, S. M. Maddalena, San Giovanni.

Si sceglie di preparare la tavola "cotta" o "cruda". Nello specifico si intende che tutte le pietanze che la compongono siano cotte oppure alcune siano cotte e per le altre si mettono in tavola gli ingredienti per realizzarle. I piatti "crudi", quelli di cui si mettono in tavola gli ingredienti, oggi sono: "i maccarruni cullu mele": pasta, zucchero, miele, i ceci: i legumi, l'olio e pepe; non vengono più inserite le rape e la "massa". Notevole è lo sforzo necessario per la preparazione: di solito tutto il vicinato, i parenti, gli amici si mettono a disposizione della famiglia che offre la Tavola per aiurtarla nei preparativi che cominciano ben 15 giorni prima per poi giungere al clou nella settimana che prelude alla festa.

Il giorno della festa di san Giuseppe, tutti gli invitati si ritrovano per il pranzo a casa della famiglia che offre la "tavola". Si recita insieme il Santo Rosario e si attende il parroco per la benedizione della tavola. Esiste un cerimoniale (tramandato nel tempo) che richiede:

  • per iniziare a mangiare una pietanza si deve attendere che San Giuseppe faccia tintinnare una posata sul bicchiere, un altro tintinnio annuncia che l'assaggio ha termine;
  • al termine dell'assaggio di ogni pietanza la parte rimanente viene ritirata dalla famiglia del "santo"e portata a casa per essere distribuita a parenti e vicini in segno di condivisione.

Ad ognuno è consegnato poi un pane a forma di ruota, sul quale è riportato per ogni santo, il simbolo che lo rappresenta (per esempio: Gesù, una corona di spine, S. Giuseppe un bastone, ....). Insieme al pane vi è un'arancia e un finocchio.

Potrete constatare tutto quanto descritto nelle foto.

Layout Grafico Offerto da:
Animeitalia Webdesign
Parrocchia Visitazione di Maria Vergine
Piazza Vittorio Emanuele II
73020 Cerfignano (Le) - Tel. e Fax 0836/1959996- info@parrocchiacerfignano.it
Parroco: don Pasquale Fracasso